In evidenza

Sappiamo tutti quanto sia difficile dire di no al cibo spazzatura. Cibi fritti, patatine...
I trigliceridi si trovano tipicamente in forma di olio, burro ed altri alimenti ad alto...

Diete fai da te: attenzione ai rischi!Un’alimentazione esageratamente calorica ed uno stile di vita sedentario portano alla creazione di un “ambiente obesogeno” che favorisce l’accumulo dei chili di troppo.
Per perdere peso, la soluzione più pratica, a portata di mano, potrebbe essere quella di seguire una delle tante diete dimagranti che si trovano sui giornali e su internet. Ogni anno vengono “confezionate”, è il caso di dirlo, sempre nuove diete, sovente con nomi decisamente fantasiosi. Se poi queste diete sono seguite, come spesso avviene, da qualche vip, quale migliore garanzia che il “prodotto” in questione funzioni realmente? Allora come mai, nonostante tutte queste diete “alla moda”, il problema del sovrappeso e dell’obesità è, purtroppo, in aumento anche qui in Italia?

In Italia, infatti vi sono più di cinque milioni di persone obese e  ben 16 milioni sono gli italiani in sovrappeso. E soprattutto chissà perché mai i più grandi obesi vivono proprio nei Paesi da cui provengono queste diete miracolose (Paesi ricchi d’America in particolare)?

Verrebbe da dire che, beh si sa, nessuno è profeta nella propria patria e che queste diete lì non sono state recepite e divulgate a dovere ed hanno dovuto espatriare per portare il loro messaggio salutare e di bellezza in giro per il mondo.…. Sarà…, ma in realtà, il problema è un altro.
Tutte queste diete hanno dei grossi limiti.
Fondamentalmente queste diete non tengono conto dell’unicità di ogni persona e dell’individualità del caso, come ad esempio lo stile di vita, le cause che hanno fatto insorgere il sovrappeso, fabbisogno energetico, fabbisogni nutrizionali, rapporto con il cibo, motivazione, difficoltà e disponibilità al cambiamento.
Anche se queste diete danno talvolta dei risultati, si tratta di risultati per lo più passeggeri e soprattutto, nel caso in cui vengano seguite per un molto tempo, possono risultare pericolose per la salute perché non bilanciate, eccessivamente proteiche o carenti di alcuni nutrienti. Molte di queste diete sono monotone e non permettono di variare, come si dovrebbe fare, gli alimenti e le pietanze nel corso sia della settimana che della giornata.

La dieta è una terapia su misura, quindi ogni intervento dietetico-nutrizionale va strettamente personalizzato, tenendo in considerazione la storia della persona, l’attività fisica, il rapporto con il cibo, le preferenze alimentari, le abilità culinarie, il contesto familiare e sociale, la presenza o meno di motivazione al cambiamento e via dicendo.


Pubblicato il 15 Aprile 2012 - © Vietata qualsiasi copia non autorizzata
Ti piace questa pagina?