In evidenza

Sappiamo tutti quanto sia difficile dire di no al cibo spazzatura. Cibi fritti, patatine...
I trigliceridi si trovano tipicamente in forma di olio, burro ed altri alimenti ad alto...


<<Sono fermamente convinto che non esistano sulla faccia della terra due persone identiche; nessuno che abbia le stesse impronte digitali, labiali o vocali. E neppure due fili d'erba o due fiocchi di neve uguali. Visto che tutti gli individui sono diversi l'uno dall'altro, non ritengo logico che essi debbano nutrirsi allo stesso modo. Poché ciascuno di noi "abita" un corpo dotato di punti di forza e debolezza differenti e di diversi fabbisogni nutrizionali, per conservare la salute e per combattere le malattie è indispensabile tener conto di queste peculiarità>>

Così inizia il libro L'alimentazione su misura del naturopata Peter D'Adamo, con una citazione di suo padre, James D'Adamo.
Personalmente non posso che condividere questa linea di pensiero, tuttavia ciò che viene messo in discussione, non solo da me, è l'affermazione successiva e cioè: "Il gruppo sanguigno è la chiave che schiude la porta sui misteri della salute, della malattia, della longevità, della vitalità fisica ed emozionale".
Penso sia alquanto riduttivo e in contrasto con la citazione precedente affermare che praticamente tutto dipenda da un solo gene (degli oltre 20000 geni umani), quello che determina il gruppo sanguigno.


Perché a volte funziona?

Nelle sue indicazioni il dottor D'Adamo propone diversi alimenti per ciascun gruppo sanguigno e porta chi legge il suo libro ad introdurre nella dieta anche alcuni alimenti che solitamente non vengono consumati spesso.
Avere una dieta equilibrata e varia è indubbiamente un fattore importantissimo e che incide sulla salute.
Ma siamo sicuri che non sia esclusivamente il fatto di variare di più l'alimentazione a portare a dei miglioramenti i suoi pazienti di cui cita la storia nel libro?

La maggior parte di coloro che si rivolgono a queste diete stanno male a causa del loro stile di vita sbagliato, perciò è inevitabile variando la dieta un miglioramento.

Ad esempio, nelle prima pagine del suo libro cita il caso di un rabbino con seri problemi di salute che mangiava tutti i giorni sempre gli stessi alimenti e che con la dieta del gruppo sanguigno, gruppo B nel caso del rabbino, ha avuto dei miglioramenti.
Per prima cosa un singolo caso non è significativo, ma soprattutto questo suo paziente è passato dal mangiare sempre lo stesso cibo a mangiare anche altri alimenti. Sinceramente sono convinto che anche con la dieta per il gruppo 0, A o AB sarebbe migliorato in quanto il problema probabilmente era il fatto di mangiare sempre le stesse cose e non tanto di non mangiare i cibi che secondo D'Adamo sono adeguati al gruppo B.


Va considerato inoltre l'"effetto placebo", cioè il semplice fatto che essere convinti di seguire una dieta che porterà dei miglioramenti determina da solo in una certa percentuale di persone un miglioramento. Lo stesso effetto lo si può notare nel caso di assunzione di farmaci e nelle sperimentazioni in cui migliorano anche alcune persone che invece del farmaco assumono il placebo, cioè lo stesso medicinale ma senza il principio attivo.

Inoltre è logico che essendoci una grande variabilità tra le persone, con alcune la dieta del gruppo sanguigno funzioni. Ma questo non vuol dire che allora funzioni la dieta in sé per come è stata strutturata. Se D'Adamo avesse ragione dovrebbe funzionare quasi con tutti e quelli che non la seguono dovrebbero non stare al meglio, ma così non è...


Indice:



Bibliografia:

D'Adamo e Whitney. L'alimentazione su misura. (Versione italiana di Eat Right 4 Your Type)

Nachbar MS, and Oppenheim JD. "Lectins in the United States diet: a survey of lectins in commonly consumed foods and a review of the literature". American journal of clinical nutrition, 1980.

Michael Klaper, Blood Type Diet: Fact or Fiction?, 2005.

Saitou N, Yamamoto F. Evolution of primate ABO blood group genes and their homologous genes. Mol Biol Evol 1997; 4(4):399-411.

Coppola et al. Von Willebrand factor in Italian centenarians. Haematologica. 2003 Jan;88(1):39-43.

Pubblicato il 29 Gennaio 2011 - © Vietata qualsiasi copia non autorizzata
Ti piace questa pagina?