In evidenza

Sappiamo tutti quanto sia difficile dire di no al cibo spazzatura. Cibi fritti, patatine...
I trigliceridi si trovano tipicamente in forma di olio, burro ed altri alimenti ad alto...
Per quanto riguarda la famosa dieta mediterranea è bene precisare che il termine dieta non è inteso come dieta dimagrante, ma come programma dietetico (o modello alimentare); si tratta di uno stile alimentare ispirato alla tradizione mediterranea.

Nel 1939 il medico nutrizionista italiano Piroddi fu il primo a intuire la connessione tra alimentazione e malattie del ricambio, quali diabete e obesità.
Successivamente il nutrizionista americano Ancel Keys si accorse che le popolazioni del bacino mediterraneo erano meno suscettibili a certe patologie rispetto agli americani ed ipotizzò quindi che seguire la dieta mediterranea potesse migliorare lo stato salute ed aumentare l'aspettativa di vita.
I popoli che vivono attorno al Mediterraneo, infatti, consumavano quantità relativamente elevate di grassi ma, ciò nonostante, avevano minori tassi di malattie cardiovascolari rispetto alla popolazione statunitense, nella cui alimentazione sono presenti livelli simili di grassi animali.

Per riassumere i principi della dieta mediterranea e invitare la popolazione a seguire i consigli dietetici fu proposta una semplice piramide alimentare, un grafico che riporta al vertice della piramide gli alimenti che dovrebbero essere consumati in piccole quantità e, scendendo, gli alimenti da consumare più frequentemente e in quantità maggiori.

Dieta mediterranea - piramide alimentare


Un ruolo importante nella dieta mediterranea è occupato dai cereali prestando attenzione a variare gli alimenti e assumere non solo pane, pasta e riso, ma anche altri cereali come mais, orzo, farro e avena.
Se possibile meglio mangiare anche una buona parte di cereali integrali e non raffinati in quanto più ricchi soprattutto di fibra alimentare.

Per quanto riguarda frutta e verdura è già ormai consolidata l'opinione che siano alimenti da consumare quotidianamente a causa dei vantaggi che garantiscono fornendo vitamine, sali minerali, molta fibra e acqua, utile per reintegrare adeguatamente i liquidi perduti specie nelle giornate estive. Inoltre generano un senso di sazietà elevato rispetto ad altri alimenti con le stesse calorie (sempre grazie alla fibra alimentare).
Si raccomanda di consumare preferibilmente frutta di stagione.


Approfondimenti: Dieta mediterranea, rischio cardiovascolare e nutraceutica

Pubblicato il 20 Agosto 2010 - © Vietata qualsiasi copia non autorizzata
Ti piace questa pagina?