In evidenza:

Prevenire l'insorgenza di un ictus? Le nuove linee guida della American Heart Associat...
Sappiamo tutti quanto sia difficile dire di no al cibo spazzatura. Cibi fritti, patatine,...

Tu sei qui


Il pesceIl pesce è un alimento che viene consumato dall'uomo da tempo immemorabile, assieme alla carne.
Per pesci si intendono soltanto quei vertebrati acquatici che respirano esclusivamente per mezzo delle branchie e che sono provvisti di pinne anche se spesso questo concetto non è ben chiaro; i molluschi e i crostacei non sono pesci.

Le proteine del pesce sono proteine ad alto valore biologico e sono ricche soprattutto in alcuni aminoacidi fra cui metionina; la principale variabilità è data, dalla quantità di grassi.
Possiamo infatti distinguere tra:
  • pesci magri (palombo, sogliola, orata, merluzzo, ecc);
  • pesci semigrassi (triglia, trota);
  • pesci grassi (anguilla, salmone,ecc).

Va tuttavia detto che i grassi del pesce, a differenza di quelli della carne, sono costituiti quasi esclusivamente da grassi poli-insaturi (omega 3), in particolare acidi eicosapentaenoico e docosaesaenoico (il DHA). Gli omega 3 hanno effetti benefici sulla nostra salute in particolare riguardo al metabolismo del colesterolo, riducendo i livelli ematici di colesterolo e prevenendo le malattie cardiovascolari; sembrano inoltre avere un ruolo sulle funzioni cerebrali e visive.
La raccomandazione è quella di consumare pesce almeno 2 – 3 volte la settimana.

Oltre agli acidi omega-3, i pesci, a differenza della carne, hanno anche la caratteristica di contenere minori quantità di colesterolo e spesso (eccezion fatta per i pesci più grassi) un apporto calorico minore.
In generale contengono meno grassi , soprattutto meno grassi saturi, e calorie a parità di peso rispetto alle carni di manzo, pollo e maiale e forniscono una quantità minore di colesterolo; nonostante il pesce azzurro contenga più grassi, questi sono principalmente insaturi.
Sono inoltre un'ottima fonte di Vitamina D e di sali minerali.
Pochi alimenti contengono quantità apprezzabili di vitamina D. Un alimento particolarmente ricco è l'olio di fegato di merluzzo, seguito poi, dai pesci grassi (come il salmone e le aringhe), e altri alimenti quali il latte le uova e il fegato.
Calcio, Iodio e Ferro sono contenuti in maggiore percentuale nei pesci dalle carni più rosse e discreto è anche il contenuto di Vitamine del gruppo B.

Un incremento del consumo di pesce da parte della nostra comunità è altamente raccomandabile, mentre l'utilizzazione di preparazioni a base di oli arricchiti in grassi polinsaturi dovrebbe essere limitata ad esempio a scopo terapeutico in soggetti ad alto rischio aterosclerotico.


Dott. Stefano Monteghirfo
Biologo Nutrizionista
www.monteghirfo.com





Pubblicato il 26 Novembre 2010 - © Vietata qualsiasi copia non autorizzata
Ti piace questa pagina?